Shefqet Peçi
"Eroe del popolo albanese"

La vita dell’Eroe del Popolo Shefqet Peçi è un lungo calendario di valore. Nato in un villaggio montano di Picarit vicino Girokastra il 30 Giugno 1906, matura già da giovane uno spirito di combattente, a solo 14 anni partecipa alla guerra contro gli italiani a Valona nel 1920. Nel 1924 combatte nella rivoluzione democratica capeggiata da Fan Noli. Durante il periodo del potere monarchico, era ufficiale del Re Zog, non condividendo il potere per il quale prestava il suo servizio di ufficiale e diventato anti zoghista è arrestato per la prima volta nel 1937 e degradato da ufficiale militare. Combatte la monarchia fascista capeggiando la protesta degli studenti della città di Elbasan quando la monarchia portò in Albania i fascisti italiani. La Lotta Antifascista di Liberazione Nazionale lo vedeva immediatamente impegnato come patriota. Sh. Peçi non poteva naturalmente come patriota restare indifferente allo scoppio della seconda guerra mondiale. Durante i primi mesi del 1942 era già a capo di formazioni militari partigiane e nello stesso tempo entra a far parte del Partito Comunista Albanese, (chiamato poi Partito del Lavoro). Fu nominato comandante e commissario delle formazioni militari partigiane della zona operativa di Valona – Girokastra, dove svolse con valore, capacità, talento ed esperienza i compiti di comandante.
La condizione della guerra antifascista, gli ideali per lui fondamentali di difesa della patria e la sua intelligenza a dirigere, fanno si che Sh. Peçi diventi comandante della 5° Brigata Partigiana e poi successivamente vice comandante della 1^ Divisione Partigiana. L’eco delle gesta di Sh. Peçi esce fuori dei confini Albanesi, combatte contro i tedeschi dirigendo formazioni militari partigiane per la liberazione del Kossovo, guadagnando rispetto. Dopo la liberazione ha lavorato con onestà e con alta coscienza in tutti i posti da lui occupati sia militari che statali. E’ stato Ministro delle miniere, Ministro delle Comunicazioni, Presidente del Controllo di Stato, deputato del Parlamento di tutte le legislazioni fino al 31 marzo 1991. Nel 1970 Presidente del Presidium dell’Assemblea Popolare. Negli ultimi tempi ha prestato la sua attività come Presidente del Comitato Nazionale dei Veterani di Lotta Antifascista di Liberazione Nazionale del Popolo Albanese, 1982 – 1992. Per i sui meriti di lotta, di combattente eroico nella seconda guerra mondiale, gli è stata accordata la medaglia di EROE DEL POPOLO come pure l’alta nomina onorifica quale grande militare democratico della brigata "GIUSEPPE GARIBALDI". Nella sua vita molta intensa Sh. Peçi ha trovato anche il tempo di scrivere. Ha scritto libri con ricordi della seconda guerra mondiale e tante poesie liriche sulla vita della campagna. Sh. Peçi ha iniziato bene la sua vita, ha continuato con dignità e l’ha conclusa con un finale in crescendo. Nella fine di questo secolo il regime di Berisha lo imprigiona all’età di 90 anni con accuse e "leggi" assurde.
Quando Sh. Peçi combatteva per la liberazione della città di Kukesit nel nord dell’Albania, alcuni traditori e collaborazionisti dei nazisti assassinano 47 partigiani della 5° Brigata. Erano tutti giovani. Anche 64 cittadini del Kossovo che furono liberati dalla prigione. Questi furono colti di sorpresa mentre dormivano o mangiavano. Nella risposta dei partigiani organizzata da Sh. Peçi caddero 21 collaborazionisti. I nipoti di questi collaborazionisti attraverso un ordine politico di Berisha dopo più di mezzo secolo attuano la loro vendetta e imprigionano Sh. Peçi in condizioni di salute pessime, in barella con una frattura alle gambe che gli necessitava di assistenza quotidiana. Così, un antifascista, antizoghista, antire, eroe leggendario del popolo, dopo 60 anni ritorna in carcere nel regime "democratico" di Berisha. Ma Sh. Peçi non ha mai avuto paura dei fascisti e nazisti, resta sempre coraggioso e dichiara pubblicamente <<…per me è un onore morire nella prigione di Berisha>>. Da questo momento attua lo sciopero della fame, e dice << non voglio nè alimenti e né medicine dai fascisti >>. Questo ha deciso e questo realizza fino alla fine. Dopo 12 giorni Sh. Peçi muore. Ha scelto di chiudere la sua vita nello stesso modo dei coraggiosi, patrioti, eroi. Sh. Peçi non muore nel cuore del popolo. La morte avvenuta in prigione non è stata del tutto chiarita, resta un mistero, la storia lo risolverà. I funerali di Sh. Peçi furono una grande manifestazione nella quale si evidenziò il rispetto del popolo e della schiera dei politici per quest’uomo, eroe anche nei tempi difficili.

 

Tirana, 10 Luglio 1996

Your opinion is important for the growth and the improvement of our web site.

The message you are sending WILL NOT BE TREATED FOR ANY COMMERCIAL OR ILLEGAL USE.

 







generate new code
CAPTCHA Image

Type the code above

Sending your message. Please wait...

Thanks for sending your message!

The security code entered was incorrect. Please try again.

Please complete all the fields in the form before sending.